CDC DOCUMENTO 24 GIUGNO 2015 SI ALLA DEMOCRAZIA NO ALL’ITALICUM

L’approvazione, il 4 maggio scorso, della legge elettorale ha troncato ogni possibilità di confronto e di modifica del provvedimento, ma non ha chiuso il discorso politico-istituzionale.

Il Coordinamento ritiene che l’obiettivo prioritario sia quello di evitare che la nuova legge elettorale (Italicum) trovi concreta applicazione per la sua insostenibilità costituzionale

Una Camera dei deputati composta in base alla nuova legge elettorale, con la maggioranza – grazie ad un forte premio – assegnata a un solo partito e per di più, nel caso di ballottaggio, indipendentemente dal consenso ottenuto al primo turno, costituirebbe un passo preoccupante verso un regime autoritario. Il premio di maggioranza per il vincitore non solo è enorme al primo turno ma potrebbe diventare enormemente sproporzionato nel caso di ricorso al ballottaggio, a cui si accede senza soglia di accesso e senza neppure la possibilità di apparentamento al secondo turno; in questo modo verrebbe sostanzialmente cancellato il principio della rappresentanza sul quale si base la sovranità popolare.

Il Coordinamento pertanto ha sottolineato il dovere di utilizzare tutti gli strumenti disponibili per opporsi a questa legge prima della sua entrata in vigore.

Gli strumenti che il Coordinamento ha identificato per neutralizzare questa pessima e inaccettabile legge elettorale sono due e ritiene necessario provare a percorrerli entrambi:

-il primo è intraprendere iniziative giudiziarie in ogni distretto di Corte d’appello per sollevare da subito la questione della non costituzionalità della legge e per ottenere in questo modo un rinvio della legge alla Corte Costituzionale, in analogia con quanto avvenuto con il Porcellum, che è stata oggetto di censura in passaggi fondamentali – in gran parte gli stessi che ritroviamo in questa legge – da parte della Consulta con la sentenza n.1/2014;

-il secondo è il ricorso a referendum abrogativi, che abbiano ad oggetto l’annullamento degli aspetti più incostituzionali, tenendo conto della sentenza della Corte Costituzionale sul Porcellum;

Sullo strumento dei referendum abrogativi il Coordinamento ha deciso di promuovere distinti quesiti referendari, definiti dai costituzionalisti Gianni Ferrara e Massimo Villone, articolati su due punti fondamentali:

  • Eliminazione dei capilista bloccati e delle multicandidature (quesito tendente a restituire agli elettori il diritto di scegliere i propri rappresentanti)
  • Eliminazione del premio di maggioranza e del ballottaggio (quesito tendente ad ristabilire l’eguaglianza del voto e la rappresentatività degli eletti)

Il Coordinamento è composto da associazioni e giuristi ed è consapevole di non avere forze economiche e organizzative sufficienti per agire da solo. Per promuovere i referendum e ancora di più per la successiva campagna elettorale è indispensabile un impegno forte da parte di diversi soggetti, con un protagonismo importante politico e sociale, senza il timore di coinvolgere insieme soggettività assai lontane fra loro.

Inoltre il Coordinamento, tanto più dopo la crescita esponenziale dell’astensionismo nelle elezioni regionali, sottolinea l’enorme difficoltà di convincere alla partecipazione al voto i cittadini. Per questo occorre costruire un fronte ampio, consapevole e motivato sugli obiettivi referendari che solo convincendo i cittadini-elettori dell’importanza della loro partecipazione al voto ha speranza di risultati positivi.

A tale scopo il Coordinamento ritiene importante verificare la possibilità che i referendum elettorali siano agiti in associazione con le eventuali proposte di referendum, provenienti dai soggetti interessati, che riguarderanno la scuola (riforma Renzi/Giannini), l’ambiente (Sblocca Italia) ed il lavoro (job’s act), in modo da realizzare una sinergia virtuosa fra questioni istituzionali e questioni sociali, idonea a favorire una vasta partecipazione popolare.

Il Coordinamento ritiene che l’impegno sulla legge elettorale vada visto insieme alle modifiche della Costituzione che il Senato esaminerà tra qualche giorno e sulle quali la valutazione è altrettanto negativa. Se le modifiche della Costituzione all’esame del Senato dovessero venire approvate, come il Governo conferma di volere, si svolgerebbe un referendum confermativo nella primavera 2016 ed è proprio in parallelo a quella campagna che potrebbe esserci la raccolta delle firme sui referendum abrogativi dei punti essenziali della legge elettorale, nonché sugli altri referendum sociali.

Il Coordinamento chiede un pronunciamento su queste proposte e un impegno in questa direzione a tutti i cittadini, alle associazioni, ai soggetti politici che concordano sugli obiettivi.

Roma, 24/6/2015

Mauro Beschi, Domenico Gallo, Alfiero Grandi

3 risposte a “CDC DOCUMENTO 24 GIUGNO 2015 SI ALLA DEMOCRAZIA NO ALL’ITALICUM

  1. Abbiamo inviato la lettera allegata a tutti i soggetti politici e sociali sulla base del mandato ricevuto nel coordinamento del 15 giugno. Il testo è sostanzialmente una rielaborazione di quella inviata alle confederazioni sindacali che vi era già stata inviata.
    E’ evidente che sarebbe di grande aiuto avere nei territori iniziative analoghe che, sulla falsariga degli argomenti contenuti nella lettera, chiedano ai soggetti sociali e politici locali di pronunciarsi e di impegnarsi a costruire una campagna referendaria.
    C’è chi pensa che i referendum andrebbero fatti subito, raccogliendo ora le firme e effettuando i referendum nel 2016, e chi ritiene che occorra maggiore ponderazione sui tempi necessari per costruire una campagna politica forte e in grado potenzialmente di vincere lo scontro con il governo Renzi.
    La nostra scelta è stata fin dall’inizio di costruire uno schieramento ampio, inclusivo, forte in grado di vincere una sfida da far tremare i polsi non solo per raccogliere almeno 600.000 firme per avere la certezza della validità delle richieste referendarie (il deposito delle firme deve avvenire tassativamente entro il 30 settembre presso la Cassazione per potere effettuare i referendum nel 2016, salvo il successivo giudizio di ammissibilità della Corte Costituzionale) ma soprattutto per convincere la maggioranza degli elettori aventi diritto che è utile, anzi indispensabile andare a votare.
    Di questi tempi è un’impresa politica difficilissima. I referendum del 2011, in un quadro meno sfavorevole, sono stati i primi ad avere raggiunto il quorum dopo 25 anni, ora tutto è certamente più difficile perché la crescita dell’astensionismo è stata esponenziale.
    Inoltre, restando ai temi strettamente istituzionali, fare la raccolta delle firme durante la campagna per il No al referendum costituzionale consente di non separare i 2 aspetti (Costituzione e legge elettorale) della mobilitazione politica, questione che per il coordinamento è sempre stato un punto fermo.
    Per questo c’è da augurarsi che le preannunciate iniziative anticipatrici riflettano sulla possibilità di fallire la raccolta delle firme per gli spazi ristretti di tempo e per l’insufficienza dello schieramento politico e sociale che li sosterrebbe.
    Senza trascurare il problema che anche il merito dei quesiti referendari andrebbe sottoposto ad una verifica collettiva, come del resto stiamo facendo preannunciando il merito dei quesiti a tutti i soggetti politici e sociali, in modo che tutti possano esprimersi
    E’ evidente a tutti che un esito non positivo della raccolta delle firme potrebbe creare difficoltà a tutti e per questo continuiamo ad augurarci che tutti i soggetti politici e sociali continuino a perseguire un obiettivo largo e unitario per vincere i referendum. Tanto più che è aperta una discussione su altre iniziative referendarie.
    Ad esempio certamente sta a cuore a tutti che problemi come quello della scuola siano oggetto di iniziative nella stessa stagione referendaria.
    Cordiali saluti
    Roma, 13 luglio 2015
    Domenico Gallo Alfiero Grandi

    Liked by 1 persona

    • L’importante è avere fiducia in noi stessi, e da noi stessi partire, testare e superare i nostri limiti e batterci per ciò che riteniamo più giusto. Il CDC è a disposizione di tutti coloro che vogliono unirsi per una lotta comune in difesa della democrazia!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...